Mancusi Office Automation s.r.l.

Incubo OUTLOOK! Le Regole pt.2

Home / MOAblog / Incubo OUTLOOK! Le Regole pt.2

GESTIRE LE REGOLE DI OUTLOOK

Se hai letto la parte che precede questo articolo, qui, allora sai come creare una nuova regola su Outlook. In questa seconda parte, vedremo invece come gestire le regole esistenti e quali sono le reali possibilità di applicazione ai messaggi o agli oggetti di outlook delle regole.

1) Eliminare una regola

  • Aprire "Gestione regole e avvisi" , seguendo il canonico percorso Home -> Regole -> Gestione regole e avvisi
  • Selezionare la regola di nostro interesse
  • Cliccare "Elimina", quarta voce del menu partendo da sinistra.

 

2) Importare o esportare un set di regole

  • Aprire il Gestore Regole secondo la procedura utilizzata fino ad ora, OPPURE
  • Selezionare la voce FILE
  • Fare click su Regole e Avvisi, dal riquadro a destra

  • Si aprirà il popup della gestione regole. Selezionare l'ultima voce da sinistra, "Opzioni"
  • Selezionare la voce interessata tra Esporta regole ed Importa Regole
  • Esportando un set di regole, l'utente può creare una copia di backup delle proprie regole.

 

3) Applicare le regole ad altri elementi di Outlook

  • E' possibile applicare le regole a conferme di recapito, conferme di lettura, risposte di voto e risposte automatiche (notifiche Fuori sede).
  • Nel momento in cui si crea la regola, queste vengono elaborate come se si trattasse di messaggi. Se ad esempio si crea una regola per spostare in una cartella specifica tutti i messaggi il cui Oggetto contiene la parola "riunione", verranno spostate nella stessa cartella anche le conferme di recapito, le risposte di voto o le risposte automatiche.
  • Lo stesso vale per le convocazioni di riunioni, richieste di attività e documenti : questi vengono considerati messaggi.
  • Se una convocazione di riunione viene spostata automaticamente nella cartella Posta eliminata, la riunione non verrà aggiunta al Calendario.
  • Le regole relative ai messaggi inviati non vengono applicate alle richieste di attività e alle convocazioni di riunione.
  • Il funzionamento di una regola per un gruppo di contatti può variare in base a come è stata creata.

Hai trovato utile questo articolo? Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *