Mancusi Office Automation s.r.l.

Dispatcher Phoenix : soluzioni per l’archiviazione

Home / MOAblog / Dispatcher Phoenix : soluzioni per l’archiviazione

DISPATCHER PHOENIX

I flussi documentali all'interno delle aziende rappresentano un notevole dispendio di tempo e di risorse. Le soluzioni proposte dal mercato sono molteplici, ma la vera innovazione arriva dai laboratori di sviluppo di Konica Minolta. Dispatcher Phoenix organizza il lavoro dell'azienda automatizzandolo e riducendo sensibilmente il margine di errore umano.

A COSA SERVE

Dispatcher Phoenix è un vero e proprio CMS (content management service). Viene proposto da Konica Minolta quale soluzione di Document Workflow Automation, ossia automatizza il flusso documentale all’interno dell’azienda gestendo le operazioni normalmente svolte manualmente: acquisisce il dato, lo elabora, lo distribuisce come programmato in fase di configurazione.

Possiede inoltre un asssistente per l’automazione dei processi di business, è un prodotto scalabile (è possibile acquistarlo in singoli moduli) e altamente personalizzabile, secondo le esigenze dei clienti. COMPLETAMENTE integrato con la vostra multifunzione.

Nel dettaglio:
* Colleziona i documenti da più risorse

* Processa le informazioni in base alle richieste dell’organizzazione : è in grado di leggere il documento – supporto OCR

* distribuisce i documenti in base alle informazioni. Esempio: le estensioni .xls dovranno essere caricate su google drive e rinominate automaticamente con la data nel nome file, mentre il formato .doc dovrà essere indirizzato alle cartelle locali con il nome del cliente nel file. Dispatcher è in grado di realizzare il processo.

* Distribuisce quindi i file tra i vari sistemi presenti in azienda.

FUNZIONALITA’ E FLUSSI DI LAVORO

Dispatcher funziona secondo l'organizzazione dei flussi di lavoro, effettuata in fase di configurazione del software. Questi flussi, inoltre, sono visualizzabili in real-time: sfruttano infatti la tecnologia LIVEFLOW per monitorare i file in elaborazione, consentendo individuare la posizione dei documenti all’interno del processo e semplificando l’identificazione delle cause dei “colli di bottiglia” nei processi stessi. Tutto ciò non fa altro che ottimizzare gli input nel workflow.

Il workflow è completamente grafico, e viene costruito tramite DRAG E DROP. E’ un sistema molto intuitivo, in cui si posizionano icone che sverranno collegate tra loro attraverso strumenti di disegno (come rette, frecce, etc.) per poi lasciare a Dispatcher il compito di validare la struttura del appena costruita. Perfino, Le icone sono personalizzabili!

un esempio di flusso di lavoro in Dispatcher Phoenix.
In sintesi, Dispatcher garantisce:

  • Scalabilità, grazie all’architettura a moduli.
  • Elasticità, dal momento che ogni modulo può essere aggiunto in qualsiasi momento
  • Espandibilità, in base alle richieste di business
  • Automatizzazione dei processi ridondanti
  • Semplificazione dei flussi di lavoro
  • Semplicità di utilizzo
  • Una interfaccia MFP (macchina multifunzione) grafica e intuitiva, completamente integrata
  • Funzionalità avanzate rese semplici
  • Eliminazione notevole degli errori umani
  • Facilitazione dell’integrazione tra sistemi diversi
  • Compatibilità con i gestionali aziendali attraverso l'utilizzo di connettori pre-esistenti o sviluppabili ad hoc

Può generare inoltre XML in caso di fatture elettroniche, supporta il folder browsing dalla macchina multifunzione, la lettura OCR dei documenti, la metadatazione dei documenti, regole di lettura\scrittura, qualsiasi tipo di fonte di Input che non sia necessariamente la nostra Macchina Multifunzione (pc, cartelle di rete, indirizzi e-mail e così via), lavora con tutti i formati file e. infine, non richiede prestazioni hardware particolari.

Hai trovato utile questo articolo? Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *